Ironiche oniriche

Ho sognato che perdevo i denti e che andavo dai cinesi a farmeli riattaccare, il loro centro operativo era un’ape accostata al marciapiede uguale in tutto e per tutto al banchetto delle arance dell’abusivo. Infatti i denti erano venduti a cassette. Tipo 40 per dieci euro. Ma non mi domandavo di che farmene degli otto che avanzavano, come riciclarli prima che scadessero, o se andassero nell’umido. Ho sognato che il babbo era fascista. Ma secondo me era più importante il sogno dei denti.

Ginnasma

Mi dico fatteli due minuti di ginnastica se l’unanime pensiero è che libera le endorfine la serotonina quella roba là magari il suicidio lo rimandi a domani eh non prima di aver arricchito il tuo scaffaletto ingombro di antidepressivi con almeno uno di antidolorifici a scelta o artigli del diavolo vari allarga la mente apriti a nuovi orizzonti della medicina non essere monotematica e barbosa. Parte il cd di Rosanna Lambertucci (no, non il trenino), perché il livello autocertificato in fede di sana e robusta costituzione mi vieta di sbilanciarmi verso programmi più hard a meno di non macchiarmi di suicidio colposo, vado a cercarmi due ‘pesetti’ in casa che pare si possano usare le bottiglie di plastica, noialtri poveracci amatori, ottimo, ho due bocce di gassosaguizza che nemmeno averle prese apposta, ora venitemi a rizzare da questo tappetino e non asciugatemi il sudore, ma il lago in cui sto affogando dopo che mi sono entrambe scoppiate, e consolatemi il gatto che ai botti di capodanno non si era scomposto, ma adesso c’ha il pelo che a toccarlo mi prendo una fulminata.

E il tuo no!!

Quando da bambini all’asilo e giù di lì tutti facevano la rincorsa a cantilenarsi e farsi grossi con le mirabili attitudini dei padri… E il mio babbo è nell’esercito… E il mio babbo va in aereo tutti i giorni… E il mio babbo c’ha un pc (all’epoca pareva una gran cosa oh!)… E il mio babbo c’ha il cellulare più grande del mondo (capirai che primato, nell’89 anni in cui il telefonino più piccolo aveva le dimensioni di un sarcofago).. E il mio babbo è più alto del più alto grattacielo  mondo.. E il mio babbo va a caccia… E il mio babbo conosce il papa/berlusconi/imperatore del giappone ecc… E il mio babbo ha la pistola e ti arresta (che poi il moccioso è cresciuto come uno che ha la pistola e ti ammazza)… Io alla fine rispondevo il mio babbo lègge. Che mi guardassero tutti schifati è il riassunto condensato in un nanosecondo della frattura tra il mondo è me, la loro forza, ma il mio orgoglio.