A càos, Accàsa, CiBOH Dammangiare, Hic et Munch, Parentesi caustiche

Benvenuto autunno

💃SCHERZAVO!!!!!😁

Scherzibruttiseipessima😂🙈mandatemiaquelpaese 

 

Ngiorno 💙igers tuttapposto voi ? che mangiate?Boh😂, oggi mi era presa bene così😋🙌🏻, sembra autunnale ma è tutto a freddo😍!!!! E poi c'è il guacamole, pe'non smentissi mai 😂a scombinare il tutto: Insalata di rucola e misticanza, pere coscia, scamorza affumicata, salvia fresca, patate dolci già arrostite (batate americane), nocciole e dolloppone🍵 di #guacamole sbiadito diafano e neon🎉 perché n'avevo rimasto poco e l'ho frullato con la ricotta 🙈 ora sento com'è magari è bono!!!. Infuso di tè alla salvia. Dice fa bene agli ormoni. E poi mi c'è finita dentro il bicchiere quindi.😂🙈😂Ora si sta a vedere eh 😂😂 Buon appe amici malloppo di lavoro amabilmente spappolacervello anche oggi e iccaldo salesalesale…..😫 e iccollo rattrappisce rincarcagna agna agna……..😂 dopo fo un doccione scroscio vediamo se mi sciolgo o se rimango piantata lì prigioniera della doccia fino a che un mi ritrovano dopo le ferie😂……..neniiiiii neniiiiiiiii……venitemi a salvare SE non siete PSYCO!!!🔪😱😂…have a nice afternoon ig friends see ya next time💙 domani è sanlorenzo nonché sancocomerata!!!!🍉💫😍 #lunch #fruit #cheese #tea #fresh #recipes #IFPgallery #italyfood_bestphoto #f52grams #trovaricetta #healthyfood #instafood #summer #onthetable #foodshare #thehub_food #bonappetit #insalata #ricetteperpassione #food4thoughts #ifoodit #foodart #foodphotography #italianfooldblogger #thefeedfeed #huffposttaste #mangiare #foodpic #phootooftheday

A post shared by Elisabetta's #lemilleunatavola (@elisabettapend) on

A càos, BollettiniANSIA, CiBOH Dammangiare, Hic et Munch

Dare un nome

Ve lo andate a leggere che non c’ho voglia. Oppure no. C’ho voglia ma voi non ve lo andate a leggere. Abbiate il coraggio di fare come cavolo vi pare😂, mangiare è un atto sfuggente e mai un mandala definitivo, qualcosa che ti sistema per la vita, una cerniera per fermare un attimo privo di vincoli in sottovuoto. Per cui in perfetta grammatica, continuo a scrivere e a nutrire il provvisorio, aggiungendo sfilze di croci a tutte le ultime cene che faccio.

———————————————————————————————————-

(ah ma ora funziona sto plugin, toh! vediamo un po’ se lo inserisce⁉️⬇️)

Ok, oggi me lo sono fatto così, perché è autunno😂🌾🍂🍁E ho trovato il #cavolfiore e ho trovato lo #zafferano in fondo a un cassetto che stavo sgombrando per trasferire i miei due pigiami due che sono la mia mise giorno/notte2001/2018. Penso che ormai i #trecuochi o come si chiamavano quelli delle bustine famose ne son morti almeno due e il terzo è preso male, col palletico come le mie mani. Poi ho infilato il prosciutto nello spiedino e l'ho infornato con l'ananas, perché magari un po' di sole si senta in colpa di stare anche lui col muso. Questo piatto decadente mi piace, mi assomiglia, una moltitudine di caos bruciante e libero dagli schemi, dalle convenzioni di un pasto, dai dettati della vita. Non posso scrivere i giorni con in mano una penna fornita di gommino perché la maestra sa quale cervello nella classe sarà recidivante nell'aspettarsi la spietata correzione. E non sono la benedizione e la fortuna e il bilanciere di patetici arroganti. Vai leo, nella rigenerante solitudine di sapersi piegare, ma non più inginocchiare strisciando, mangiamo.✌ yum!!!!😋#paleofood #paleo #paleolife #leftovers #lowbudget #fooddiary #anorexia #anorexiarecovery #edrecovery #art #paintings #igartist #anoressia #diarioalimentare #paleoeats #foodporn #foodart #friedegg #ham #pineapple #cauliflower #saffron

A post shared by Elisabetta's #lemilleunatavola (@elisabettapend) on

Accàsa

Ottobre è sono solo una morta non sono una santa

Di gente che di scrittura c’è morta, di colera o di consunzione, del famoso e vintage crepacuore, ne ho letta tanta, è una battuta di caccia falciatrice inarrestabile, una partita vincifacile. E continuerò a leggerne, e continueranno a leggermi. A me sul blog perché il privilegio della carta chi lo vede chi ci arriva son’altro che pietanza da strega per quanto ci provino a intenerirmi la carne, a trovalla, mescolandomi col paiolo insieme ad altri ingredienti. Son come mi si provoca, il mio corredino di ritorno espressivo, una lagna che s’è intravista solo in Frida Kahlo, che un po’ benmistà a andare a respirare l’aria fuori da questi gangheri, e un po’, come infamia, se proprio mi volevano far del male, decisamente mi sopravvaluta. Chi la sacrifica una palma per le pagine rabbiose e le favole a pietà, fine! che, all’ombradècipressiedentrollurne, chiacchiero coi miei morti. Ora che le hanno messe nelle riserve e nei musei e che forse anch’io, se mi voglio comprare, mi devo rivolgere al mercato nero.

Accàsa, Hic et Munch

Autunno

Giorno dopo giorno, ripiegata in involuzione, da e per una vita, ad ascoltare il canto delle balene. Tutto il resto lo disconosco. Ogni cosa nell’universo non è condannata né condannabile come l’essere umano perché non vive nell’ansia di dovere dimostrare qualcosa, per giustificare e giustificarsi il fatto di essere venuto al mondo, quando un’onda, un animale, una pietra, non chiedono, pretendono, lamentano, competono, fingono altra natura e a loro è estraneo il grottesco, la vergogna, mentre è propria la grazia. Disperazione è fare parte di una razza vivente che non può avere maestri, ma si danna per avere parola, si inganna di avere qualcosa da dire, e ha troppi strumenti per farlo.